Se qualcuno desidera la salute, prima bisogna chiedergli se è pronto ad eliminare le cause della sua malattia. Solo allora sarà possibile aiutarlo”. Ippocrate, padre della medicina

E’ interessante notare che si diventa allergici a qualcosa che ci piace, ad esempio adoro il formaggio e sono allergico ad esso; amo la primavera e le piante e sono allergico ai pollini. E se l’allergia è alla polvere o a un animale?

A questo proposito, c’è chi si domanda se l’allergia non abbia origini profonde, legate forse a delle difficoltà che proviamo a concederci di godere delle cose buone della vita, questo nel primo caso, e nel secondo, che forse ci si sente di essere “aggrediti”. C’è chi propone di cercare quali siano i propri pensieri “aggressivi” verso gli altri. Di domandarsi se c’è qualcuno che si trova insopportabile o intollerabile, se è così, si può provare a guardarlo con gli occhi del cuore perché non si possono cambiare gli altri ma solo se stessi.

Che tu ci creda o no, il corpo ci parla sempre di qualcosa che si muove nel nostro profondo e chiede di farlo venire in superficie, a galla, alla luce del sole. Non è semplice, lo so.

So che non si sta bene quando gli starnuti aumentano, il naso cola e il prurito agli occhi e la lacrimazione ci impedisce di vedere con chiarezza.

Ed è vero che possiamo prendere una pillola e cancellare per un po’ quello che il corpo ci vuole dire, ma possiamo anche ascoltarlo.

Nel frattempo, qualsiasi sia il nostro modo di osservare i disturbi e le malattie di cui soffriamo, possono venire in nostro aiuto tanti rimedi naturali. Piante che hanno un’azione che contrasta l’allergia, che sono emolienti, lenitive e balsamiche per le congestioni delle mucose nasali. Nelle erboristerie trovate tanti rimedi e antistaminici naturali che vi servono per alleviare e ridurre i disturbi primaverili. Dentro di voi invece potete trovare le cause più comuni dei disturbi e delle malattie che possono essere atteggiamenti e emozioni negative o sensi di colpa.

Ogni disturbo ti dice di amarti e di lasciare che sia il cuore a dirigere la vita e non l’ego.

 

Per chi non lo sapesse, il mio contratto di locazione ha fatto emergere dei problemi piuttosto seri e la stampa locale stamattina lo sta raccontando.
Questi i link fin’ora: Corriere AdriaticoResto del Carlinol’Altro GiornaleCentroPagina

Voglio dire alcune cose:

1 Di Sana Pianta non è solo un negozio, è un’idea.

Mi sono fidata, ma non sono un’ingenua idealista, i valori che perseguo (di comunione con la natura, di rispetto del corpo, di salute come prevenzione… e anche di lealtà nel commercio) sono sostanza concreta: si manifesta ogni giorno dal lavoro, dalla fatica, dallo studio e anche dal corpo vivente dei miei clienti: cosa c’è di più concreto del corpo?

2 Non sono una terremotata

Cioè, oggettivamente lo sono, ma non mi piace fare la vittima: chi suscita pietà non può fare da esempio a nessuno. Paulo Coelho ha scritto: La cosa peggiore non è cadere, bensì non rialzarsi e giacere nella polvere. Di me preferirei che si dicesse: Alberta è una che si rialza.
La polvere la conosco bene, non mi piace; anche quando le forze sono allo stremo, occorre reagire. Poi, ve l’assicuro, vorrei tanto stare tranquilla e fare semplicemente il mio lavoro, senza tutte queste perturbazioni emotive ed economiche. Conto di riuscirci anche questa volta. Ho buone creme per le occhiaie, conosco una ventina di erbe diverse per dormire la notte e di giorno preferisco sorridere.

3 Io resto qui

In questo periodo in cui i negozi chiudono, io ho aperto: perché ci credo.
Non è un negozio qualsiasi, è un’erboristeria, una “libreria della natura”: un luogo di cultura e di conoscenza. Quindi anche di coscienza civica.
Il negozio resta aperto. Continuo esattamente come se niente fosse. Continuano le iniziative e gli eventi puntualmente come programmato. Mi fido della legge e la legge deve proteggermi.
La legge deve proteggere i cittadini onesti, l’Italia è piena di gente che gioca pulito, che si comporta con lealtà. È l’Italia da difendere, non si possono far pagare i pasticci immobiliari e finanziari alle vittime.
Io sono la cittadina di uno stato democratico, e pretendo, reclamo, invoco giustizia e protezione da questo Stato a cui appartengo. La mia è una storia minuscola, nei gravi drammi del mondo; ma nel mio piccolo voglio che si vada verso un miglioramento e non verso un peggioramento. Quindi anch’io do il mio semplice contributo: non mi arrendo.
Nessuno deve mai arrendersi.

4 Non odio nessuno

Se emergerà che qualcuno si è comportato male, ne risponderà alla legge, ai creditori, se ce l’ha alla propria coscienza, se no al proprio narcisismo mortificato.
Odiare è impegnativo e fa male anche a colui che odia, è fatica sprecata.
L’Italia è piena di piccoli bugiardi, di omertosi, di gente che si incasina da sola credendo di essere furba, che si discredita per poche migliaia di euro, che ti saluta cordialmente poi ti colpisce alle spalle… poi è la vita stessa a punirli, forse anche troppo severamente.
Meglio amare, è una cosa che apre il cuore.

5 Grazie a tutti quelli che mi sostengono

Nessuno si salva da solo. In questa vicenda io non mi sono mai sentita sola, neanche un momento. Grazie, grazie, grazie a tutti quelli che mi stanno aiutando, mi confortano, mi incoraggiano e anche sopportano i miei momenti negativi.
Sento che il mondo è bello perché intorno trovo un sacco di persone meravigliose.
Nessuno è debole quando ha una comunità che lo appoggia.
Grazie a tutti voi sono fortissima.

 

Tutti vogliamo invecchiare serenamente, stare bene nel nostro corpo, goderci la vita. Eppure stress, inquinamento e cibo industriale complottano contro il nostro benessere.
Ci viene in soccorso lo slogan dell’erborista Alberta Cardinali: “E’ meglio aver cura della salute che curare la malattia: è più efficace, più economico e soprattutto molto più piacevole”.
Da neanche due mesi la storica erboristeria di Marzocca ha riaperto (ora si chiama “DI SANA PIANTA”) e subito ha portato dalle nostre parti l’abitudine nordeuropea di considerare le erboristerie anche come centri culturali e non solo come negozi.
E infatti in tanti hanno già goduto di corsi e laboratori decisamente interessanti, tra cui l’atteso incontro su “ Rune celtiche e piante spontanee” del 21 marzo, con Maria Sonia Baldoni, la fondatrice in tutt’Italia delle Case delle Erbe. A lei lo scrittore Michele Meomartino ha dedicato il libro “La sibilla delle erbe”; collabora con varie Università, tra cui Agraria e Medicina. E’ nata a Jesi ed è molto legata a Marzocca grazie ad un miracolo per il quale sua figlia da bambina si salvò incredibilmente da un grave incidente davanti alla Madonnina del Pescatore. Per il laboratorio è stato scelto proprio il 21 marzo, in quanto contemporaneamente Equinozio di Primavera e giorno di venerazione di San Benedetto. In ogni monastero benedettino c’era infatti un “orto dei semplici”: semplice (“medicamentum simplex”) in latino medievale significava un’erba medicinale. I monaci non solo coltivavano piante medicinali ed aromatiche, finalizzate al trattamento fitoterapico di malattie ma preparavano tinture, tisane, unguenti, bevande e liquori a scopo terapeutico ancora oggi molto conosciuti ed apprezzati.
Il laboratorio di Maria Sonia si è concluso con una celebrazione dell’arrivo della primavera attraverso uno dei tanti riti che è possibile riprendere dalla tradizione, di cui Maria Sonia è una studiosa. Un cerimoniale che i partecipanti hanno vissuto anche come un simpatico gioco, con tanto di tamburo e bruciatura di piante officinali in un piccolo braciere, suscitando la curiosità degli abitanti del palazzo.

Anche in aprile e maggio il programma culturale è interessante e nutrito:

5 aprile ore 20,45 Costellazioni Familiari Sistemiche con Janhu Silvio Crispiatico. Conferenza gratuita
15 aprile tutto il giorno, escursione naturalistica al Parco del Conero con Alberta Cardinali.
19 aprile ore 20.00 Elena Olmo Jagrati terrà una dimostrazione sulla medicina cinese con il calore e con le coppette che creano il vuoto: le tecniche si chiamano moxibustione e coppettazione.
22 aprile tutto il giorno. Dopo il successo del primo incontro si replica “Costellazioni Familiari e Sistemiche” con Janhu Silvio Crispiatico.
26 aprile pomeriggio,“Naturalmente bella” l’arte di truccarsi attraverso il self makeup 1 con Giada Pavoni.
3 maggio pomeriggio“Naturalmente bella”, self makeup 2 con Giada Pavoni.
8 maggio ore 20.00 “Agricoltura Sinergica: come praticare un’agricoltura in sintonia con i cicli ed i modelli che la Natura ci offre”, con Dhara Janneke Gisolf.
10 maggio pomeriggio, “Naturalmente bella”self makeup 3 con Giada Pavoni
11 maggio ore 20.00 “Colori ed energie di vita – conoscere ed utilizzare le loro vibrazioni per equilibrare e armonizzare Anima e Corpo” con Luciana Gianotti.
17 maggio tutto il giorno “Cura del corpo e trattamenti di bellezza per prepararsi all’estate” openday con Giada Pavoni
24 maggio ore 17.00 incontro laboratorio di Sartoria Creativa “Sai di Cosa ti Vesti?” con Luciana Gianotti.

Per informazioni e prenotazioni potete passare in erboristeria, consultare il sito www.disanapianta.org, tel 0719690956 e.mail erboristeria@disanapianta.org Facebook Di sana pianta

 

Il magnesio non è una medicina, è un minerale essenziale per il nostro corpo e non possiamo produrlo.  E’ responsabile di molti processi metabolici essenziali regolando l’attività di enzimi preposti a rendere possibili più di 350 reazioni chimiche fondamentali per il corpo umano. Si stima che quasi l’80 per cento della popolazione occidentale sia carente di magnesio.

La carenza di Magnesio dà ansia, ipereccitabilità muscolare, cefalea, vertigini, insonnia, alterazioni del ritmo cardiaco, stanchezza eccessiva, disturbi mestruali, asma, calcoli renali, stitichezza, attacchi di panico, fragilità ossea ed osteoporosi, nervosismo, ipertensione.

Perchè ne siamo carenti?

Mangiamo sempre meno frutta e verdura e più alimenti trasformati come latticini, farine e zuccheri che oltre a non contenere magnesio lo sottraggono dal corpo nel processo digestivo.

Il suolo si è impoverito pesantemente di magnesio a causa della coltivazione intensiva che fa uso di concimi e fertilizzanti chimici. Di conseguenza, molta frutta e verdura che erano una volta ricchi di magnesio ora lo contengono non più in quantità adeguate. Inoltre, la presenza dell’alluminio nei terreni dovuto all’inquinamento atmosferico, acidifica il suolo ed impedisce alle piante di assorbire i nutrienti del terreno.

I benefici del magnesio sono molti:

  • Riduce lo stress
  • Rilassa il sistema nervoso
  • Elimina i dolori mestruali
  • Dona energia fisica e mentale
  • Rafforza denti e ossa
  • Risolve la stitichezza
  • Previene malattie cardiovascolari
  • Migliora la digestione
  • Migliora l’assimilazione dei nutrienti
  • Rilassa i muscoli
  • Regola il pH
  • Regola la pressione in chi soffre di ipertensione
  • Favorisce il peso forma
  • Favorisce il sonno riposante e combatte l’insonnia

Per questi motivi, un numero crescente di persone si rivolgono agli integratori di magnesio per aumentare la loro assunzione di questo nutriente essenziale.

Il magnesio carbonato viene assorbito facilmente dal nostro organismo e riesce a far derivare gli altri tipi di magnesio (cloruro di magnesio, pidolato, ecc.) a seconda dell’organo che ne ha più bisogno e l’eccesso viene eliminato con le urine.

Importante:

– Dopo due anni di regolare somministrazione di magnesio, l’osteoporosi (perdita di massa ossea) si arresta nell’87% dei casi.

– Dopo i 40 anni, il corpo assorbe sempre meno magnesio.

– Assunto quotidianamente elimina l’acido urico dai reni, decalcifica le sclerosi fino alle più sottili membrane, evita gli infarti purificando il sangue, mantiene giovani fino alla vecchiaia, riporta il pH dell’intestino verso l’alcalino.

In che modo il Magnesio è efficace contro la stitichezza?

L’intestino per funzionare al meglio, ha un gran bisogno di magnesio per la corretta assimilazione dei nutrienti in cibo e bevande.

Sono quattro le azioni principali del Magnesio sul tratto gastrico:

  • Aiuta una corretta digestione dei cibo.
  • Favorisce l’afflusso di acqua all’intestino, e questo fa sì che le feci siano morbide.
  • Aiuta i movimenti intestinali dall’inizio alla fine del processo di digestione (peristalsi).
  • Rilassa i muscoli ed il sistema digestivo in modo, quindi previene la stitichezza.

Quindi è chiaro che con il giusto apporto di magnesio si può normalizzare la situazione intestinale, non solo in caso di stipsi e costipazione cronica.

Il magnesio è utilissimo anche per disturbi come: diarrea, dissenteria, gastrite, reflusso gastrico, flatulenza, colite, bruciori di stomaco, aerofagia, gonfiore, nausea, mal di pancia.

Con questo integratore puoi garantirti un’efficace pulizia intestinale e non solo curare ma anche prevenire la maggior parte dei disturbi che coinvolgono lo stomaco e l’intestino. Insomma si tratta della soluzione ideale per ritrovare la tua naturale regolarità.

 

Perché l’argilla è un rimedio naturale da tenere sempre in casa?

Perché ha un costo accessibile a tutti, perché può essere impiegata per molti disturbi e perché è semplice da utilizzare.

Conosciuta fin dall’antichità, l’argilla è molto utilizzata in fitoterapia in combinazione con oli essenziali o altri principi attivi: è ricca di silice, magnesio, ferro e in piccola parte anche di calcio. Contiene, inoltre, numerosi oligoelementi idrosolubili altamente biodisponibili e quantità infinitesimali di argento, ferro, stagno, rame, piombo ed oro.

L’argilla classica viene utilizzata per uso esterno mentre la variante dell’argilla ventilata viene utilizzata anche per uso interno, da bere.

Utilissima per la preparazione di impacchi adatti per la cura della pelle, per levigare e purificare la pelle del viso, per attenuare l’effetto a buccia d’arancia della cellulite ed inoltre per alleviare le irritazioni e i dolori articolari, ma anche in caso di distorsioni o di problemi muscolari.

Viene utilizzata anche per uso interno, per le sue proprietà cicatrizzanti, rimineralizzanti, antiacidità, antinfiammatorie, per favorire le fisiologiche funzioni dell’apparato gastrointestinale, per favorire l’eliminazione dei gas e contrastare flatulenza e meteorismo e come depurativo e disintossicante dell’organismo.

Semplicissima da fare in casa ed economica, la maschera all’argilla è un toccasana per ogni tipo di pelle. L’argilla si può comprare essiccata in polvere in qualsiasi erboristeria ad un prezzo molto basso.
In commercio esistono anche maschere già pronte che devono solo essere applicate sulla pelle umida. Il prezzo sale leggermente, ma si ha la comodità di non doversi preparare la maschera da sole.

Preparazione della Maschera all’argilla per tutti i tipi di pelle

Per preparare la maschera, mettere l’argilla in una ciotola di vetro o plastica ed aggiungere l’acqua in un rapporto di 1 ad 1: un cucchiaio di argilla più un cucchiaio d’acqua e così via. Lasciare il composto a riposo per venti minuti, poi mescolare energicamente con un cucchiaio di legno o plastica. Non usare il cucchiaio di acciaio, materiale che potrebbe alterare le proprietà dell’argilla. Quando il composto avrà raggiunto la densità di una crema pastosa, applicate un generoso strato sul viso deterso ed asciutto, evitando il contorno occhi ed il contorno labbra.
La maschera comincerà presto a tirare. Asciugandosi, schiarirà fino a diventare quasi bianca o verde chiaro. Una volta asciutta (circa venti minuti), rimuoverla con acqua tiepida ed un po’ di pazienza. Dopo aver rimosso tutti i residui di argilla, applicare una crema idratante, che permetterà alla pelle di non seccarsi a causa dell’argilla.

Maschera all’argilla per pelli grasse e per pelli secche

La maschera all’argilla è indicata per tutti i tipi di pelle, assorbe le impurità, regola il sebo e favorisce il rinnovamento cellulare. Con alcune piccole aggiunte si può rendere specifica per alcuni tipi di pelle.
Per curare la pelle grassa, ad esempio, si può aggiungere al composto base del succo di limone, note le sue proprietà astringenti e purificanti.
Per curare la pelle secca, invece, si può aggiungere qualche goccia di olio di oliva o di olio di mandorle, dalle proprietà emollienti ed idratanti. In alternativa, anche del miele può andare bene.

 

Avvertenze
Per uso interno, l’argilla va sciolta in acqua pura possibilmente di fonte, non clorata o, a limite, minerale naturale.
Evitate l’uso interno di argilla se assumete farmaci, potrebbe interferire!
L’assunzione di argilla può dare problemi di stitichezza.

 

La pelle, sopratutto quella dei più piccoli, va rispettata e curata fin dalla nascita.
E’ importante usare solo prodotti naturali, senza ingredienti chimici dannosi e che siano delicati ed efficaci allo stesso tempo.

Nei primi anni fino alla preadolescenza non produciamo secrezioni sebacee e apocrine e dunque abbiamo una pelle senza sebo, tendenzialmente più secca poiché non lubrificata da quello che si chiama film idroacidolipidico. Inoltre, lo strato corneo (la parte più superficiale dell’epidermide) nella pelle del bambino è più sottile se paragonato a quello di un adulto e, di conseguenza, nel bambino la pelle risulta più delicata e esposta agli agenti fisici e chimici esterni.
Le sostanze da evitare nei cosmetici per bambini sono tante pertanto leggete l’INCI e assicuratevi che non contengano siliconi, petrolati, tensioattivi aggressivi. Attenzione quindi se in etichetta trovate ingredienti come questi:
paraffina,vaselina, mineral oil, siliconi, triclosan, glycol e sigle come PEG, DEA, MEA, TEA.
Si tratta di ingredienti spesso di origine petrolifera, poco o per niente biodegradabili che possono avere effetti allergenici, causare dermatiti o alterare le funzioni fisiologiche della pelle.
Di sana pianta offre la migliore linea di detergenti, creme e shampoo per bambini senza SLES o SLS e una vasta gamma di prodotti cosmetici per l’infanzia made in Italy Helan.

 

Arriva Marzo e anche la festa della Donna!
Di sana pianta in occasione dell’8 marzo, Giornata internazionale della donna, propone “∞ marzo: perché un giorno sia tutti i giorni” mostra fotografica di Camilla Schmitt.

Per una settimana, dall’8 al 15 marzo, la mostra sarà visitabile gratuitamente e aperta a tutti presso l’Erboristeria Di sana pianta in via Garibaldi 25 a Marzocca.

LA MOSTRA

Le fotografie esposte spaziano da lavori in esterno, che nascono dalla casualità dellincontro con il mondo, a opere realizzate in studio, specchio di profonde emozioni personali, il cui legame, nella diversità dei temi, è una sorta di straniamento, che sconvolge la percezione e infrange labitudine, rivelando inconsuete prospettive dellordinario.

Gli scatti narrano il percorso evolutivo dellautrice: dalla necessità di esprimere la propria visione artistica, attraverso losservazione delle persone, nella cui inconsapevole intensità dei gesti coglie il dramma e lironia della vita di ogni giorno, al desiderio di raffigurare una realtà riflessa che restituisce inesplorati punti di vista, fino ad arrivare, con una personale ricerca, ad una pittura fotografica in cui le immagini sembrano emergere da pennellate impressioniste.

CAMILLA SCHMITT

(Roma, 1992)

Ho iniziato a scattare con la naturalezza della bambina che ero: curiosa, coraggiosa, mi sono fatta accarezzare gli occhi dai colori del mondo.

Crescendo, la necessità di esplorazione mi ha condotta verso elementi meno ordinari, sfiorando particolari spesso ignorati.

La consapevolezza della maturità ha affinato il mio gusto; lispirazione nasce da contrasti sociali, scenari sinistri, dallarmonia delle linee e dal bel colore carico, unito allubiquo senso di inquietudine.

Senza pianificazione, ho lasciato che lonestà dellistinto costruisse la mia visione fotografica della realtà.

Sono unamante della lingua italiana e ho percorso un sentiero di ricerca linguistica; ho giocato con le parole, accostando alle immagini titoli che stimolassero losservatore, perché la fotografia può essere un intenso mezzo di riflessione.

Osservo i profili che ho intorno, nella mente i pensieri iniziano a danzare, si aggrovigliano nelle loro sfumature più varieHo bisogno di tradurre queste sensazioni, di Scattare e respirare.

CURRICULUM ARTISTICO

  • 2009: cura la fotografia e l’impaginazione del sito web della Società Italiana di Mediazione Familiare (S.I.Me.F.), trasponendo in immagini il profilo professionale del mediatore familiare.

  • 2010-2017: realizza stampe e pannelli fotografici per l’arredamento di interni di studi professionali, locali e appartamenti privati.

  • 2011-2017: in occasione di seminari e lezioni, organizzate da scuole di specializzazione in psicoterapia, traduce in fotografie concetti psicologici, facilitando, attraverso l’impatto emotivo dell’immagine, tanto l’esposizione quanto il processo di apprendimento.

  • 2013-2017: realizza locandine, opuscoli e manifesti in contesti congressuali.

  • 2014: realizza una serie di scatti relativi al moto ondoso e alla formazione delle nubi per l’iBook “L’atmosfera e il tempo” di Giampiero Barchiesi, disponibile su iTunes Store.

  • 2014: cura interamente la parte fotografica del nuovo sito web della Società Italiana di Mediatori Familiari (S.I.Me.F.). Una stretta collaborazione, che si concretizza in un intenso lavoro di ricerca di immagini e scenari tematici evocativi dell’attività dell’Associazione.

  • 2014: pubblicazione su Cicero, inserto mensile del giornale Voce della Vallesina, di un percorso fotografico in tre parti, nel quale vengono analizzate alcune opere, quali “Cul-de-sac” e “Aspettando Godot”.

  • 2015-2017: realizza gadget pubblicitari.

  • 2016: mostra fotografica personale “Lineare infranto”, Napoli, Grand Hotel Oriente.

  • 2016: mostra fotografica personale “Legami e legamenti d’amore”, Jesi, Palazzo dei Convegni.

  • 2017: mostra fotografica personale “Scenari urbani e dis-urbani: la straordinarietà del reale”, Roma, Alm Garden.

  • 2018: mostra fotografica personale “Aspettando Godot”, Jesi, Hemingway Cafè

 

Per informazioni: http://www.camillaschmitt.com/fr/accueil.html

 

 

Le lampade di sale rosa dell’Himalaya non sono solo belle ma hanno tanti pregi e non dovrebbero mancare nelle nostre case.

Eleganti e naturali, sono considerate degli strumenti straordinari per rendere salubre l’aria di casa: purificano e deumidificano l’ambiente, impediscono la diffusione dei batteri, ci danno una piacevole sensazione di benessere a partire dall’aria che respiriamo nelle nostre stanze.

Le lampade di sale sono formate da cristalli di sale che riscaldandosi emanano nell’aria ioni negativi.

Favoriscono la concentrazione e l’attenzione per questo sono indicate nelle stanze dove si studia o in ufficio e secondo la cromoterapia, il colore arancione è rilassante, stimola la creatività e la gioia di vivere.

Proprietà delle lampade di sale:

  • Purificano l’aria di casa

  • Proteggono dall’inquinamento elettromagnetico

  • Riducono l’umidità

  • Stimolano il sistema immunitario

  • Creano un’atmosfera rilassante

  • Favoriscono la concentrazione

  • Rendono armoniosa e leggera l’energia dell’ambiente.

Per finire, ricordatevi che se la superficie della lampada di sale gocciola, basta tenerla accesa per qualche ora in più tutti i giorni.

In questo modo si scalderà e farà evaporare l’acqua in eccesso.

Di sana pianta Erboristeria

 

 

Abbi cura di te e valorizzati: sei una persona unica e preziosa.

Abbi cura del tuo corpo, trattalo bene e cerca di nutrirlo con buon cibo.

Cura anche il tuo ambiente di vita: questo ti fa sentire in armonia.

Bevi abbondantemente acqua di buona qualità: l’acqua è fonte di vita.

Fai moto, passeggia, respira a fondo, ossigenati.

Cura non solo il tuo corpo, ma ancor più la tua anima, cioè i tuoi pensieri, sentimenti ed emozioni.

Pensa positivo su te stesso, gli altri e la vita: questo ti aiuta a stare bene.

Coltiva sensazioni, emozioni e sentimenti piacevoli e amorevoli.

Sii sincero,  opponiti a menzogne e ingiustizie: ti farà stare bene.

Cerca la giustizia, ma anche il perdono dei torti subiti e vai avanti felice nel presente.

Non alimentare rancori che ti avvelenano, né rimpianti che ti rattristano.

Perdona anche i tuoi, di errori e vai avanti senza sensi di colpa.

Chiedi perdono, se lo senti nel cuore.

Agisci quando è tempo di agire, senza rimandare, per essere contento di te.

Scopri il tuo scopo di vita e perseguilo: questo ti dà una grande forza.

Scegli i valori che vuoi vivere e sii coerente. Non tradire i tuoi ideali.

Sii aperto e coltiva buone amicizie: le buone relazioni sono la base per una buona vita.

In caso di malattia

I saggi chiamano “benettia” quella che normalmente viene chiamata “malattia”.

La malattia può raccontare qualcosa di simbolico: che c’è qualcosa da cambiare nella tua vita esteriore o interiore e ti invita a farlo.

Consulta per primo il tuo medico, che ti offre la sua esperienza.

Se lo ritieni necessario consulta anche più di un medico, perché la salute è importante.

Consulta anche te stesso: tu sei il primo tuo medico e puoi intuire cosa c’è da cambiare.

Senti anche i tuoi amici che hanno avuto gli stessi problemi: l’esperienza rende saggi.

Senti anche il tuo erborista che può aiutarti con preparati naturali, senza controindicazioni, attingendo a sapienza antica e moderna.

Se stai bene

Le erboristerie propongono  tante tisane piacevoli, delle migliori erbe, per te e per intrattenere i tuoi amici.

Le erboristerie  ti offrono alcuni alimenti, integratori, oggettistica e cosmetica per aumentare il tuo benessere.

Di Sana Pianta organizza per te anche incontri per il benessere del corpo e dello spirito. Tieniti informato.

 

Di sana pianta Erboristeria

 

 

Meglio dare un’occhiata all’etichetta del vostro bagno schiuma… troverete qualcosa di simile:

Aqua, Paraffinum Liquidum, Cera Microcristallina, Glycerin, Lanolin Alcohol (Eucerit®), Paraffin, Panthenol, Decyl Oleate, Octyldodecanol, Aluminum Stearates, Citric Acid, Magnesium Sulfate, Magnesium Stearate, Parfum, Limonene, Geraniol, Hydroxycitronellal, Linalool, Citronellol, Benzyl Benzoate, Cinnamyl Alcohol…

A volte servirebbe la lente di ingrandimento e poi sono nomi così strani.
Peccato non sapere cosa ci stiamo spalmando addosso, perché la pelle beve e mangia: i pori assimilano tutta la vita le sostanze che ogni giorno imponiamo alla pelle.

Se volete però, potete scoprire qualcosa di molto utile per la vostra bellezza e per la vostra salute, e la laurea in chimica non vi serve, vi basta un po’ di curiosità e l’INCI.

Ecco come essere consapevoli di ciò che acquistiamo.

Ogni prodotto cosmetico che acquistiamo riporta sull’etichetta, per legge, l’elenco degli ingredienti che contiene. Questo elenco è l’INCI, cioè la “Nomenclatura Internazionale degli Ingredienti Cosmetici”.

La prima voce è l’ingrediente presente con la percentuale più alta poi seguono, in ordine decrescente di peso, tutti gli altri.

Generalmente, i primi cinque componenti di un prodotto cosmetico rappresentano il 50% – 80% del totale della formula del prodotto. Se ci sono ingredienti in percentuale inferiore all’1%, possono essere messi in ordine sparso.

 

Come capire se un prodotto è dannoso per il mio organismo o per l’ambiente.

Consultate frequentemente il Biodizionario di Fabrizio Zago, vi troverete 6205 sostanze impiegate nella cosmesi.
Tra queste, almeno 1000 sono state ritenute tossiche per il sistema nervoso e per l’organismo da organizzazioni governative mondiali.

L’INCI è uno strumento molto importante attraverso il quale possiamo scegliere consapevolmente i cosmetici e i prodotti per la cura e igiene del corpo.

 

Suggerimenti per cercare alternative.

– preferite INCI brevi: cioè prodotti con meno ingredienti, quantità non fa sempre rima con qualità;

– ricordate che le grandi marche, quelle che invadono il mercato, per tenere il prezzo basso, utilizzano ingredienti di bassissima qualità;

– non fidatevi ciecamente della pubblicità, informatevi e documentatevi; sugli scaffali dei supermarket è pieno di prodotti pseudo-naturali e pseudo-ecologici;

– non fidatevi neanche di linee vendute porta a porta, che spesso, di eco bio hanno veramente poco e i prodotti naturali della linea del brand senza siliconi, paraffina e parabeni, si contano su una mano;

– per il portafoglio è meglio un prodotto che costa il doppio e usarne la metà; o anche un quarto, coi prodotti naturali di solito è sufficiente: provare per credere; il risparmio vero non è nell’acquisto ma nel modo giusto di usare sapone, shampoo, bagnoschiuma eccetera.

 

“Il bello è che siamo esseri viventi.
Non abbiamo bellezza se non è naturale.
Quindi niente prodotti fatti col petrolio, siliconi e altre sostanze nocive per noi e per l’ambiente”.

Di sana pianta Erboristeria